Volontari

 

IL SERVIZIO: DA DOVE NASCE

 

Servire con il sorriso sostenuti dalla Fede e dalla preghiera.

 

Partendo dalle parole di Maria a Santa Bernadette cerchiamo di ricondurre il messaggio della Grotta alla nostra attualità, a quello che possiamo fare gli uni per gli altri e tutti per i nostri amici ammalati, che non solo vengono a Lourdes con noi, ma che anche abitano il nostro territorio spesso in condizioni di solitudine estrema. E’ sorprendente leggere quante volte la Madonna abbia sorriso alla piccola di Lourdes e quante volte abbia allargato le braccia. Se imparassimo a compiere bene, con il cuore, questi due gesti: sorridere ed abbracciare avremmo già svolto in modo più che egregio il nostro servizio di unitalsiani: servizio di vicinanza, di disponibilità e di amore verso i più deboli e sofferenti. Da dove nasce il nostro impegno? Dalle parole e dai gesti di Maria in quel lontano 1858.

 

 

 

Preghiera e servizio. Sono queste le parole chiave e il binomio inscindibile di chi si accosta all’UNITALSI.  La preghiera, personale o in gruppo, è l’indispensabile «pane quotidiano» per trovare la forza necessaria allo svolgimento del proprio servizio e vivere il Vangelo nella quotidianità, non soltanto quindi all’interno dell’Associazione, ma anche nella propria parrocchia, nella propria famiglia, con i propri amici. Il servizio è la naturale espressione del carisma e della carità che contraddistingue ogni volontario. Il volontario sceglie di diventare la mano con cui Dio opera nel mondo e ne trasmette l’Amore gratuito e disinteressato. Il filo conduttore è l’attenzione ai malati e ai più piccoli. Il sorriso e l’umiltà sono gli atteggiamenti con cui l’unitalsiano si accosta al proprio servizio.

 

I servizi nel Pellegrinaggio

L’evento centrale della vita unitalsiana è il Pellegrinaggio, in particolare quello che ci porta a Lourdes. Il servizio assegnato al personale pone al centro dell’attenzione malati e pellegrini con le rispettive esigenze. È il momento in cui si segue l’umile insegnamento di Bernadette: «Io sono come la scopa che quando non serve più la si mette dietro la porta, lieta di essere servita».

 

I principali servizi che vengono affidati sono:

*trasporto: si chiede al volontario di accompagnare i malati alle varie funzioni, facendo attenzione ai suoi bisogni, e di scortarlo per le vie circostanti il santuario nel caso la persona affidatagli lo desiderasse;

*refettorio: il personale, diviso in turni, si renderà disponibile alla preparazione della tavola e al servizio dei pasti;

*acqua: servizio indispensabile durante le celebrazioni che consta nel servire acqua della fonte ai malati che lo richiedessero nelle corso delle varie funzioni;

*sala: nella struttura dove gli ospiti sono alloggiati, è necessario garantire una costante e puntuale assistenza per sopperire a qualsiasi esigenza dei malati per permettergli di vivere un soggiorno dignitoso;

*piscine: si divide in piscine esterne, servizio durante il quale si chiede di accompagnare con la preghiera chi desidera bagnarsi nell’acqua della fonte, e piscine interne, dove si assiste fisicamente e spiritualmente il pellegrino durante il bagno;

Ogni servizio è affidato a un responsabile che funge da coordinatore e a cui il personale può rivolgersi per qualsiasi problema o chiarimento.

 

La vita associativa

Durante l’anno, vengono proposte diverse attività per non lasciare che la vita dell’Associazione si riduca soltanto alla presenza al Pellegrinaggio e per far sì che il binomio preghiera-servizio diventi quotidianità di ogni volontario.

*Formazione spirituale: la Sottosezione propone momenti formativi, durante i quali si prega insieme e si riflette sul tema proposto per l’anno in corso, con la guida dell’Assistente spirituale.

*Formazione “pratica”: prima dei Pellegrinaggi, vengono proposti incontri di formazione più pratica per preparare i volontari alla vita quotidiana del Pellegrinaggio.

*Eventi: ogni anno l’UNITALSI è promotrice di eventi a cui i volontari partecipano accompagnando gli amici disabili e mettendosi al loro servizio; sono momenti proposti principalmente ai giovani, fulcro e anima dell’Associazione.